Comune di Carrara

Liugi Pirandello (1867-1936)

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Liugi Pirandello (1867-1936)
Icona freccia bianca
Home Page » La Città » Carrara abitata, vista, ricordata » Liugi Pirandello (1867-1936)

Fu più volte a Carrara, ospite di Cesare Vico Lodovici, che sulle impressioni colte alle cave e alla nostra Marina dal grande drammaturgo e narratore aveva uno scrigno di ricordi. Un giorno, complimentandosi con un tecchiaiolo dopo averlo visto lavorare in tecchia, Pirandello gli disse: «Lei è l’altro mio Ciaula». Al tecchiaiolo, che non capiva, Lodovici spiegò che Ciaula era il protagonista di una novella pirandelliana: un minatore che, riemergendo dalla terra e scoprendo la luna, provava grandi emozioni. «Poi - confessava Lodovici quando ricordava - ho tentato anche di fargli capire il significato di quel termine, “l’altro”, usato da Pirandello; ma la teoria dell’uno, nessuno, centomila non lo convinceva».

Ultima modifica

mercoledì 26 febbraio 2014

Condividi questo contenuto

Note legali - Posta Elettronica Certificata - Privacy - Redazione Web - Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Responsabile sito

Comune di Carrara - piazza 2 giugno, 1 - 54033 Carrara  - Codice Fiscale e Partita IVA: 00079450458

Telefono: +39 0585 6411 - Fax: +39 0585 641381 - E-mail: urp@comune.carrara.ms.it - Posta Elettronica Certificata: comune.carrara@postecert.it

Il portale del Comune di Carrara è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Carrara è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it